top of page

REDDITOMETRO e SOMME DEL SUOCERO



Le somme percepite dal suocero per l’acquisto di beni e servizi non hanno rilevanza ai fini dell’accertamento sintetico da Redditometro e l’Agenzia delle Entrate può recuperare in aumento gli importi non giustificati dal reddito familiare.

Questo è quello che ha ribadito la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 21334 del 14 Settembre 2017, confermato quanto detto dalla Commissione Tributaria Regionale della Toscana.

Nel caso in questione il contribuente aveva proceduto all’acquisto di una moto ed una abitazione tramite l’elargizione di somme da parte del suocero; il tutto comprovato dalla relativa documentazione di supporto.

La corte ha però ricordato che, ai fini dell’accertamento da Redditometro, ciò che si va a tenere in considerazione è il reddito percepito in un determinato anno di imposta da parte di un nucleo familiare.

Il nucleo familiare risulta però composto esclusivamente dai coniugi, figli e conviventi.

Le riforme effettuate nel 2010 e 2012 hanno inciso ampiamente sulla definizione di “famiglia fiscale” e quindi nella possibilità di ricostruire il reddito del contribuente.

La previgente norma invece prevedeva una formulazione che lasciava più spazio alla prova documentale del reddito e rendeva di fatto irrilevanti i vincoli familiari.

bottom of page